Magia, scienza e religione nel pensiero occidentale

Magia, scienza e religione nel pensiero occidentale

Una ricerca antropologica

20,00 19,00

“TAMBIAH È UNA PIETRA MILIARE DELL’ANTROPOLOGIA. METTE IN DUBBIO LA VISIONE EVOLUZIONISTICA CHE PONE IN SEQUENZA MAGIA, RELIGIONE, SCIENZA. NON PIÙ COSTELLAZIONI CONTRAPPOSTE, MA PRODUZIONI DEL PENSIERO UMANO CHE CORRONO PARALLELE E SPESSO SI SOVRAPPONGONO.”

DALL’INTRODUZIONE DI FRANCO LA CECLA

Per la versione digitale verifica la disponibilità sull'eBook store

COD: 9788878018297 Categoria:
000

Distinguere il confine tra magia, scienza e religione nella storia intellettuale dell’Occidente appare molto difficile, se non impossibile. Perché gli sviluppi dell’una sono spesso stati annunciati dall’altra, e perché lo stesso apparire della razionalità si deve a una particolare evoluzione dei saperi magici e religiosi. Stanley Tambiah esamina magia, scienza e religione alla luce di un’analisi storica, attraversando la religione ebraica, il pensiero scientifico dei greci, la filosofia del Rinascimento, la riforma protestante e la rivoluzione scientifica europea a cavallo tra il XVI e il XVII secolo. L’analisi che ne scaturisce è un’inedita discussione attorno alla razionalità, il relativismo e la transitività delle culture che, ancora oggi, costituisce uno dei punti nodali dell’antropologia e della filosofia.

Stanley Jeyaraja Tambiah (1929-2014), professore emerito di Antropologia all’Università di Harvard, tra i maggiori antropologi contemporanei. Ha dedicato numerosi studi all’area del Pacifico. Tra le opere tradotte in italiano ricordiamo Rituali e cultura (2002).

Informazioni aggiuntive

Codice ISBN

9788878018297

N° pagine

238

Anno di pubblicazione

2021