L’ultimo uomo

L’ultimo uomo

19,00 18,05

Ventunesimo secolo: il destino dell’umanità è segnato e la sua fine ormai prossima a causa della peste. Che sia una tragica condanna senza possibilità d’appello?

COD: 9788878017245 Categoria:
000

Ventunesimo secolo: il destino dell’umanità è segnato e la sua fine ormai prossima a causa della peste. Che sia una tragica condanna senza possibilità d’appello?
Romanzo apocalittico, pubblicato per la prima volta nel 1826, L’ultimo uomo di Mary Shelley è considerato, assieme a Frankenstein, uno dei suoi più importanti romanzi, antesignano del genere fantascientifico. Opera straordinariamente moderna, nata dalla percezione lucida e impietosa delle contraddizioni culturali e politiche del primo Ottocento, è un testo sovversivo che mette in scena la fine della civiltà che su quei presupposti si era fondata: l’idea di famiglia, di Stato e di religione. Una narrativa gotica che non si limita a esprimere i fantasmi del rimosso e la paura che li accompagna, ma che dà corpo a tali fantasmi trasformandoli in figure realistiche seppur metaforiche in grado di agire sulla realtà con conseguenze tangibili e spesso catastrofiche.

Mary Shelley (Londra 1797-1851), scrittrice inglese, figlia del filosofo radicale William Godwin e della femminista Mary Wollstonecraft, fu seconda moglie di Percy Bysshe Shelley, delle cui opere curò la prima edizione critica. Tra i suoi capolavori ricordiamo: Frankenstein (1818), Valperga (1823) e Lodore (1835).

Informazioni aggiuntive

Codice ISBN

9788878017245

N° pagine

592

Anno di pubblicazione

2020