Spedizioni gratis oltre i 25€
Immortalità dell’anima o risurrezione dei morti?

Immortalità dell’anima o risurrezione dei morti?

La testimonianza del Nuovo Testamento

7,00 6,65

“La concezione della morte e della risurrezione che sar  esposta in queste pagine urta il pensiero moderno, e tuttavia si presenta a noi come un elemento costitutivo della predicazione dei primi cristiani.”
Oscar Cullmann

Per la versione digitale verifica la disponibilità sull'eBook store

COD: 9788878018587 Categoria:
000

La risurrezione dei morti è conciliabile con l’idea dell’immortalità dell’anima? E la speranza coraggiosa e lieta che anima l’una si sposa con la serena attesa filosofica propria dell’altra? Non è così per Oscar Cullmann, secondo cui l’errore consiste proprio nell’attribuire al cristianesimo primitivo la credenza greca nell’immortalità dell’anima. Se è innegabile che il cristianesimo successivo abbia stabilito un legame tra le due credenze, bisogna tuttavia riconoscere che è proprio quanto distingue la speranza cristiana dalla credenza greca a essere il centro della fede del cristianesimo primitivo. In questo discusso e dibattuto saggio Cullmann risponde alle accuse dei suoi detrattori e illustra la differenza che sussiste tra le due credenze e che, nonostante i punti d’incontro, è e resta radicale.

Oscar Cullmann (Strasburgo, 1902 – Chamonix, 1999), teologo luterano francese. Dal 1930 insegnò alla Facoltà di Teologia dell’Università di Strasburgo, dal 1938 al Seminario riformato di Basilea e dal 1948 si trasfer  a Parigi per insegnare all’ cole Pratique des Hautes  tudes, alla Facoltà di Teologia protestante e alla Sorbona. Luterano favorevole al dialogo ecumenico, fu osservatore nel Concilio Vaticano II e si ritir  dall’insegnamento nel 1972. La sua opera più nota è Cristo e il tempo (1965).

Informazioni aggiuntive

Codice ISBN

9788878018587

N° pagine

66

Anno di pubblicazione

2022