I Naqshbandī

I Naqshbandī

Uomini, storia e dottrine di un ordine sūfī

20,00 19,00

La Naqshbandiyya è attualmente uno degli ordini sūfī più diffusi nel mondo islamico, soprattutto nella sua parte orientale. In Turchia, Siria, Iraq, India, Pakistan, Indonesia e nell’Asia Centrale la presenza dell’ordine ha sempre avuto effetti concreti su vari aspetti della vita sociale, sulla formazione delle élite politiche, sull’educazione e soprattutto sulla vita spirituale di migliaia e migliaia di uomini e donne. La storia dell’ordine inizia con la nascita dell’Islam e continua durante i secoli fino ai tempi attuali; un tempo veniva chiamata Tariqa-yi Khwajagan, “La Via degli antichi maestri”, ma acquisisce il suo nome caratteristico dopo il magistero del grande santo di Bukhara Khwaja Baha’uddin Naqshband (m. 1389), che dotò l’ordine di regole precise e di una identità più definita.

Per la versione digitale verifica la disponibilità sull'eBook store

COD: 9788878016903 Categoria:
000

La Naqshbandiyya è attualmente uno degli ordini sūfī più diffusi nel mondo islamico, soprattutto nella sua parte orientale. In Turchia, Siria, Iraq, India, Pakistan, Indonesia e nell’Asia Centrale la presenza dell’ordine ha sempre avuto effetti concreti su vari aspetti della vita sociale, sulla formazione delle élite politiche, sull’educazione e soprattutto sulla vita spirituale di migliaia e migliaia di uomini e donne. La storia dell’ordine inizia con la nascita dell’Islam e continua durante i secoli fino ai tempi attuali; un tempo veniva chiamata Tariqa-yi Khwajagan, “La Via degli antichi maestri”, ma acquisisce il suo nome caratteristico dopo il magistero del grande santo di Bukhara Khwaja Baha’uddin Naqshband (m. 1389), che dotò l’ordine di regole precise e di una identità più definita. Il libro descrive la storia della branca indiana dell’ordine naqshbandi-mujaddidi-mazhari, dall’origine fino ai giorni nostri, seguendo il filo della letteratura agiografica tradizionale, includendo alcuni capitoli più specificamente descrittivi delle dottrine di Shaikh Ahmad Sirhindi, il “rinnovatore del secondo millennio” dell’Islam (m. 1625), figura centrale dell’ordine, e del suo pronipote Shah Abu Said Faruqi (m. 1835).

Demetrio Giordani insegna Storia dei Paesi islamici all’Università di Modena e Reggio Emilia. Ha curato la traduzione dall’arabo di alcuni trattati di Abu ‘abd al-Rahman al Sulamī (Introduzione al Sufismo, 2002; La scala di luce, 2006) e la traduzione del Mabda’ wa Ma ād di Shaykh Ahmad Sirhindī (L’inizio e il ritorno, Mimesis 2003). Per Mimesis ha pubblicato nel 2010 La Vita Perfetta di Mīrzā Maz har Jān-i Janān e nel 2012 ha curato l’edizione del volume Faith and Practice in South-Asian Sufism nella collana Oriente Moderno dell’Istituto per l’Oriente di Roma. Più recentemente ha tradotto il trattato sul cuore di Al-Hakīm al-Tirmidī (Le Profondità del Cuore, Jouvence 2015).

Informazioni aggiuntive

Codice ISBN

9788878016903

N° pagine

225

Anno di pubblicazione

2019

archiviostorico.info, 2 marzo 2020
“I Naqshbandī”