Undici pianeti

Undici pianeti è un testo legato a una data chiave per la storia araba e mondiale, il 1492, anno della scoperta dell’America e dell’espulsione di musulmani ed ebrei dall’Andalusia.
Mahmud Darwish
8,00 €
6,80 €
Description

Undici pianeti è un testo legato a una data chiave per la storia araba e mondiale, il 1492, anno della scoperta dell’America e dell’espulsione di musulmani ed ebrei dall’Andalusia. Questi eventi sono i temi su cui ruotano le prime due parti dell’opera, Undici pianeti sull’ultima scena andalusa e Penultimo discorso del «pellerossa» all’uomo bianco; Darwish, recuperando la storia dell’esilio andaluso e quella dello sterminio degli indiani d’America, racconta il tragico destino del popolo palestinese. Il poeta “ritorna” al mito e alla storia cananea in Una pietra cananea nel Mar Morto e in Sceglieremo Sofocle in cui (ri)costruisce le fondamenta dell’identità del popolo palestinese per riaffermare la sua esistenza. L’esilio nell’amore è l’esperienza narrata in L’inverno di Rita, mentre l’ultimo componimento, Un cavallo per lo straniero, è un’elegia per un poeta iracheno, che diviene elegia per l’intero Iraq, “assassinato” nella guerra del Golfo del 1991.

Mahmud Darwish (1941-2008), poeta palestinese, considerato uno dei più importanti autori arabi, condivise con il suo popolo un destino di sofferenze e ingiustizia a cui diede voce nei suoi versi. Nelle sue opere, temi come la morte, la guerra e l’esilio sono narrati non solo come eventi reali della storia palestinese, ma come soggetti universali e filosofici.

Silvia Moresi, arabista e traduttrice, nel 2016 ha co-tradotto, per Jouvence, l’antologia Le mie poesie più belle dello scrittore siriano Nizar Qabbani. Dal 2016 è autrice della rubrica letteraria “Atlante Letterario Arabo” per la rivista “Q Code Magazine”.

Christian Elia - qcodemag.it, 2 maggio 2018
"Undici pianeti"
leggi la recensione

Traduzione di:
Silvia Moresi
Pagine:
88
Data di pubblicazione:
2018